Seguici su

New England Patriots

Patriots, dubbi sul futuro di Rob Gronkowski

Dopo la sconfitta del Super Bowl 52, Gronkowski sta pensando al ritiro

  • 2’ di lettura

Un vero e proprio terremoto si sta abbattendo sui New England Patriots, dopo la sconfitta con i Philadelphia Eagles, a fare più rumore sono state le parole di Rob Gronkowski. Il Tight End ha dichiarato che prenderà del tempo per riflettere sul suo futuro, tenendo in considerazione l’ipotesi del ritiro.

Ma quante sono le possibilità che Gronkowski si ritiri davvero? Pochissime.

Gronk ha giocato un grande Super Bowl, perso più che altro per meriti dell’avversario e per demeriti difensivi.

A quasi 29 anni Gronkowski ha subito infortuni piuttosto frequenti, che hanno minato la sua salute già in passato: avambraccio, ginocchio, caviglia e schiena tra gli altri. Il super fisico di Gronk potrebbe essere vicino al declino, un decadimento che potrebbe arrivare molto prima rispetto ad altri suoi colleghi illustri come Antonio Gates, Jason Witten e la leggenda Tony Gonzalez.

D’altro canto le parole di Gronkowski potrebbero essere le più classiche dichiarazioni a caldo, arrivate dopo una pesante sconfitta. Belichick la pensa così, anche se vuole concedere al Tight End il tempo per pensare all’eventuale ritiro precoce.

Anche in preda alle emozioni in ogni frase c’è un fondo di verità, che l’addio del grande Gronkowski sia più o meno imminente?

Alcuni siti di Boston parlano di una sorta di patto d’onore fatto tra i veterani dell’era Bill Belichick: Brady, Edelman, Gronkowski, Amendola avrebbero deciso di provare a giocarsi l’ultimo Super Bowl insieme, poi si vedrà.

Ovviamente la stagione 2018 potrebbe essere anche l’ultima di Belichick, che abdicherebbe in favore di Josh McDaniels.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Di più New England Patriots