Seguici su

Draft NFL

NFL Draft 2018: le scelte della terza notte

Anche l'edizione 2018 è stata un turbinio di emozioni

  • 5’ di lettura

La terza e ultima notte del Draft 2018 è arrivata per regalarci innumerevoli colpi di scena.

I Panthers danno il via al quarto giro selezionando il TE di Indiana Ian Thomas, per continuare a rinforzare le frecce nell’arco di Newton. I Vikings rinforzano la loro difesa con un DE, mentre Houston cerca alternative a Hopkins con un WR.

I Patriots continuano a scendere nel Draft, mentre i Browns salgono per il WR Antonio Callaway, ragazzo abbastanza problematico (simile a Gordon).

Inizia il quarto giro…

Interessanti selezioni di Broncos e Giants, i primi prendono il LB Josey Jewell, considerato uno dei migliori placcatori del Draft, mentre i secondi selezionano il QB Kyle Lauletta, che farà il vice-Manning.

I Rams con appena la seconda scelta in questo Draft selezionano ancora un uomo di linea d’attacco (il C Brian Allen), mentre Belichick continua a evitare di scegliere con l’ennesima trade (i Patriots acquisiscono il 3 giro 2019 di Detroit), che i Lions usano per selezionare il DT di Alabama Da’Shawn Hand.

Curiosa la scelta dei Ravens che scelgono il CB Anthony Averett da Alabama, compagno di squadra nel 2016 dell’altro CB in forza ai Ravens, Marlon Humphrey. I Seahawks, invece, continuano a bistrattare secondaria e linea offensiva andando a prendere un TE.

Occhio alla scelta dei Falcons, che hanno preso il RB Ito Smith visto che Tevin Coleman il prossimo anno sarà Free Agent. I Campioni in carica rinforzano ulteriormente la loro pass rush con il DE Josh Sweat, ragazzo sceso nel Draft a causa di un ginocchio malandato.

A chiudere il 4 giro arriva la trade dei Panthers con i Rams per prendere l’EDGE Rusher Marquis Haynes, ultimissima scelta del quarto giro tocca ai padroni di casa che prendono il TE Dalton Schultz, potenziale erede di Jason Witten.

Seattle sceglie Shaquem Griffin

Gioisce ad inizio quinto giro il decaduto di questo Draft, ossia Maurice Hurst. Il DT, dato inizialmente al primo giro, è crollato nella lista delle preferenze a causa di problemi cardiaci ed è stato preso dagli Oakland Raiders.

Appena dopo Hurst, arriva il momento più atteso del terzo giorno di Draft con la scelta di Shaquem Griffin. Il ragazzo (con una mano sola) è stato selezionato dai Seahawks e come se fosse un segno del destino giocherà con il fratello, che era stato scelto da Seattle lo scorso anno. Sono brividi forti!

Tornano nel Draft anche i Patriots dopo un’infinità di trade e prendono l’ILB Bentley. I Seahawks continuano ad essere i protagonisti indiscussi del quinto giro con la selezione del Punter Michael Dickson. Trova casa anche la guardia di Oregon crollata completamente, Tyrell Crosby che viene scelto da Detroit.

Un quinto giro che continua a riservare emozioni con la selezione del TE Troy Fumagalli, ragazzo privo di un dito preso dai Broncos. Altra scelta spesa in maniera interessante è quella dei Vikings, che selezionano il K Daniel Carlson da Auburn. I Raiders chiamano il sostituto di Marquette King, il P Johnny Townsend da Florida.

Mr. Irrelevant chiude il Draft

Nel sesto giro poche scelte da segnalare: Deon Cain scelto dai Colts per rinforzare il reparto WR, i Titans che alla 199esima chiamata prendono il QB Luke Falk, che in teoria in comune con Brady dovrebbe avere solo e unicamente il numero di scelta. Anche i Jaguars selezionano un QB, Tanner Lee da Nebraska. Da seguire la scelta dei Packers, l’impronunciabile WR Equaniemous St. Brown.

Il settimo giro si apre con i New England Patriots, che pescano finalmente un QB, trattasi di Danny Etling in arrivo da LSU. Sarà lui l’erede di Brady?

Come ben sappiamo i giocatori scelti al 7 giro, dovranno faticare molto per riuscire a restare a roster: caso curiosissimo quello di Jordan Mailata, giocatore di Rugby Australiano scelto dai Campioni del mondo di Philadelphia. L’ultimo scelto, il cosidetto “Mr. Irrelevant”, è il WR di SMU, Trey Quinn scelto da Washington.

Nel terzo giorno del Draft è sempre difficile dire chi si è mosso meglio, poichè il talento rimasto è ben poco (ipoteticamente perchè la storia è piena di campioni dopo il 4 giro).

Sicuramente il grande protagonista di quest’ultima giornata di Draft è stato Shaquem Griffin, che è riuscito a realizzare il suo sogno. Qualcuno diceva: se puoi sognarlo, puoi farlo.

Il primo giocatore della storia NFL senza una mano giocherà a fianco del fratello gemello in quel Seattle, probabilmente la storia più bella di questo meraviglioso e sorprendente Draft 2018.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Di più Draft NFL