Seguici su

Carolina Panthers

Il collare speciale di Kuechly

Si chiama Q-Collar, agisce sull'apparato cardiocircolatorio e serve a diminuire il rischio di infortuni alla testa.

  • 1’ di lettura

Dopo aver saltato le ultime 5 partite della passata stagione a causa di una commozione cerebrale, il fortissimo Linebacker dei Carolina Panthers Luke Kuechly ha cambiato il suo collare protettivo per prevenire tali infortuni affidandosi ad un nuovissimo modello chiamato Q-Collar.

Il Q-Collar è prodotto dalla Q-30, all’apparenza è molto sottile e meno visibile dei classici collari, la sua particolarità è che grazie ad un sistema che agisce sull’apparato cardiocircolatorio diminuisce il rischio di infortuni alla testa.

Ma come può un semplice collare fare questo? Le due estremità generano una leggera pressione sulla giugulare, rallentando il deflusso di sangue dalla testa, questo fa sì che tra il cranio ed il cervello siano separati da un “cuscinetto” di sangue che attutisce i traumi.

Questo processo potrebbe sembrare invasivo per il corpo ma, come dimostrano gli studi effettuati, la pressione generata è minima e non influisce né sull’encefalo né sul resto del corpo. La sua diffusione potrebbe essere un grosso passo in avanti nel prevenire le commozioni cerebrali, sempre più temute dai giocatori per i danni a lungo termine che ne derivano.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 − diciotto =

Di più Carolina Panthers