Seguici su

San Francisco 49ers

49ers, Jimmy Garoppolo è il nuovo Joe Montana?

  • 7’ di lettura

Quanto ha fatto di buono Jimmy Garoppolo dal suo inizio come starter ai 49ers?

Confrontiamo i primi numeri:

Siamo tutti d’accordo che due partite rappresentano un campione molto piccolo. Quando giochi contro squadre con un record combinato di 8-18 sembra giusto moderare tutto l’entusiasmo che ha portato il suo debutto promettente.

Indipendentemente da ciò, il giovane quarterback ha contribuito a far vincere San Francisco due partite di fila fuori casa, non accadeva dal 2014. I 49ers, con un’altra vittoria domenica, potrebbero eguagliare il record di 4 vittorie in 5 partite, numeri che non si vedevano dall’ultima stagione in cui riuscirono ad approdare ai playoff, nel 2013.

Si tratta di una possibilità concreta. I Titans arrivano da una sconfitta di 12-7 con i Cardinals guidati da Blaine Gabbert e non stanno brillando nelle ultime apparizioni. Marcus Mariota, con problemi fisici dovuti ad un infortunio al ginocchio, in stagione ha lanciato più intercetti che touchdowns (14-10).

Se parliamo di guadagno dai lanci, Garoppolo solo nell’ultima partita contro Houston ha collezionato 334 yards, mentre Mariota 309 yards sommate nelle ultime due sfide contro gli stessi Texans ed i Cardinals.

Jimmy G, come detto prima, con solo 2 apparizioni come starter non ha avuto il tempo necessario per avere un paragone completo con i leader, ma abbiamo pensato comunque di andare a leggere le sue prestazioni attraverso i primi numeri, un pò come fanno gli americani, in funzione di eventuali proiezioni sul suo futuro.

Completion percentage: 65.71 (percentuale di completi)
 Ranking: 9



Garoppolo si collocherebbe tra il quarterback dei Lions Matthew Stafford (65.6) ed il detentore dell’ MVP 2016 Matt Ryan dei Falcons, che come Kirk Cousins ​​dei Washington Redskins, hanno completato il 65.9% dei passaggi. JG ha completato il 70% contro i Bears e il 61% a Houston.

Yards per pass attempt: 8.96 (yards guadagnate per tentativo di passaggio)
 Ranking: 1



Questo parametro è importante per misurare l’efficienza di un quarterback. Rappresenta la combinazione della percentuale di completi con le yards guadagnate per azione. Ecco i primi 10 quarterbacks di questa statistica:

● Deshaun Watson (Texans): 8.3
● Drew Brees (Saints): 8.1
● Jared Goff (Rams): 8.1
● Tom Brady (Patriots): 8.0
● Alex Smith (Chiefs): 8.0
● Matt Ryan (Falcons): 7.9
● Matthew Stafford (Lions): 7.9
● Kirk Cousins (Washington): 7.8
● Philip Rivers (Chargers): 7.8
● Ben Roethlisberger (Steelers): 7.5

Due partite rappresentano un campione estremamente piccolo rispetto a quello che hanno fatto gli altri quarterback che hanno giocato molto di più in questa stagione. Comunque questo indice dimostra la produttività di Garoppolo nelle sue prime apparizioni. Se riuscisse a mantenere anche l’8.0 fino a fine stagione sarebbe un ottimo segnale per i 49ers.

Passer rating: 87.0 (qualità della prestazione del quarterback)
 Ranking: 21



Il Passer rating, di cui molto probabilmente avete sentito parlare, di certo non è una metrica onnicomprensiva, ma fornisce un quadro chiaro sulla percentuale di completi abbinati ai touchdown segnati e gli intercetti subiti. Garoppolo ha 2 INT e un solo passaggio da TD, senza considerare il passaggio all’ultimo secondo a Louis Murphy contro i Seahawks.

Con quella prestazione, il suo voto sarebbe di 92.7, collocandosi 14°, davanti a Matt Ryan.

Gli intercetti sono deleteri per questo tipo di indice, al contrario i touchdowns sono la chiave per ottenere numeri importanti verso la tripla cifra. Attualmente solo sei quarterbacks hanno una valutazione migliore di 100,0 (Brady, Smith, Brees, Aaron Rodgers, Watson e Wentz).

Le due partenze da starter come QB dei 49ers lo collocano in classifica tra Blake Bortles (85.8, 22esimo) e Tyrod Taylor dei Bills (88.6, 20esimo).

Passing Yards per game: 313.5 (yards di passaggio a partita) 
Ranking: 1



Si tratta della media di quanto è stato guadagnato con i lanci a partita, dimostra la costanza del quarterback e dell’intero reparto di attacco. C’è da dire che nelle ultime due settimane i 49ers hanno avuto il pieno controllo del possesso palla, ciò ovviamente potrebbe sfalsare i numeri.

Tuttavia questo dato è impressionante visto che la squadra in precedenza aveva numerose defezioni con la Offensive Line ed i pacchetto ricevitori.

Ecco la lista degli altri 5 che seguono:
● Brady: 297
● Roethlisberger: 288
● Stafford: 283
● Carson Palmer: 283
● Rivers: 278


Vale la pena precisare che nella classifica passing defence i Bears sono noni (media di 217 yards concesse a partita) ed i Texans 26esimi (242 yards a partita).

QB Sacked Percentage: 5.41 (percentuale di sack concessi)
 Ranking: 10



Il sack-rate in realtà misura le combinazioni che favoriscono la tasca passaggio ed il lancio del QB. Coinvolge in primis la Offensive Line con il compito di non far entrare una mosca, le abilità dei running-back e tight-end di bloccare gli eventuali blitz ma soprattutto la freddezza e lucidità del quarterback di rilasciare la palla in maniera precisa prima di essere preda dei difensori avversari.

Garoppolo, che ha subito quattro sack in due partite, ha subito dimostrato la solida capacità di lanci forti e precisi, anche sotto pressione. In classifica si piazza subito dopo Joe Flacco dei Ravens (5.38) e il giovane Goff dei Rams (5.0).

Considerando che i 49ers hanno concesso un totale di 39 sack nell’intera stagione, piazzandosi al settimo posto in questa statistica poco piacevole, essere tra i top 10 con Garoppolo è sicuramente un indice che guarda al futuro con ottimismo. Il quarterback che lo ha preceduto, il rookie C.J. Beathard, con lo stesso organico a disposizione ha totalizzato una percentuale di 7.8 piazzandosi al 25° posto tra i quarterback.

Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Di più San Francisco 49ers