Seguici su

NEWS NFL

2018: anno nuovo, squadra nuova?

Scopri cosa ci aspetta il prossimo anno...

  • 19’ di lettura

Anno nuovo, vita nuova? Con la stagione 2017/18 che volge al termine, la maggioranza dei team NFL ha già la testa alla prossima stagione. Con il nuovo anno ci sono come sempre molte aspettative e voglia di cambiamento. C’è il Draft, la Free Agency e le scelte da effettuare nelle franchigie per prepararsi al meglio.

Vediamo, tra il serio e il faceto, in una breve battuta, quali graditi regali il nuovo anno può portare ad ogni franchigia perché l’annata e la regular future siano migliori delle passate.

• BILLS: Grandissima la sorpresa dei Bills quest’anno, che dopo aver perso diversi talenti (soprattutto in difesa), sono riusciti a tornare ai playoff dopo quasi vent’anni. Per il prossimo anno servirà prendere qualche altro WR da affiancare a Benjamin e Jones, rinforzare la difesa e continuare a giocare con questa voglia. Il 2017 è stato il punto di inizio per questi Bills, che devono continuare a migliorare per poter sperare nel tanto agognato titolo.

• DOLPHINS: Suh finalmente è tornato il dominatore di un tempo, ma l’incognita più grossa per questi Dolphins è l’attacco in particolare il QB. Tannehill tornerà ed è un pò all’ultima chance della carriera. I target ci sono e Kenyan Drake sembra un ottimo RB su cui puntare. Servirà migliorare la difesa anche se Reshad Jones è tornato a giocare alla grande dopo l’infortunio. Oggettivamente con Cutler a QB questi Dolphins non potevano fare molto meglio.

• PATRIOTS: Ennesima stagione straordinaria dei Patriots, che ora si lanceranno all’inseguimento del sesto titolo. Brady continua a dominare come se fosse un giovanotto, ma prendere un QB giovane al draft sarà quasi d’obbligo (se non quest’anno, il prossimo). Importante capire cosa faranno i Patriots con l’eroe del Super Bowl 49 Malcolm Butler, autore di una stagione deludente. Belichick dovrà anche pensare a rinnovare Solder, LT titolare. In più come al solito le sirene sul DC Patricia e sull’OC McDaniels sono sempre accese per potenziali posti da HC da qualche altra parte.

• JETS: Quarterback cercasi nella grande mela. I Jets hanno deciso di puntare su McCown che pur giocando bene si è infortunato e non è più nel fiore degli anni. La scelta al draft è buona per poter sperare in un QB giovane e pimpante (si Lamar Jackson stiamo pensando a te). Squadra partita con pessime aspettative (da 0-16 secondo molti), ma Todd Bowles ha fatto un buon lavoro con pochissime carte a roster. Per tornare competitivi bisogna ripartire dalla forte DL e dai giovani WR Anderson e Enunwa (out nel 2017 per infortunio).

• RAVENS: Cosa deve fare Baltimore? Continuare con l’accoppiata Flacco-Harbaugh, o rivoluzionare tutto? La difesa c’è, ha ottimi nomi (su tutti Mosley), ma l’attacco definirlo asfittico è dire poco. Il running game ha trovato un buon RB come Collins, ma Flacco è stato abbastanza mediocre quest’anno e i target sono pochissimi (Perriman grosso bust). Dal leggendario 2012-2013 i Ravens sembrano un pò persi (eccezion fatta nel 2014-2015), è ora di cambiare?

• BENGALS: Ancora fiducia in Marvin Lewis, ma forse era ora di cambiare. Stagione abbastanza pessima per i Bengals. OL molto male, Dalton lontano dall’essere un QB affidabile e una difesa poco incisiva. Squadra che non si capisce cosa possa fare nei prossimi anni, complice delle basi piuttosto deboli. Sembrano sempre quella squadra da limbo, ossia troppo debole per vincere e troppo forte per finire male male.

• BROWNS: Sono sempre i soliti Browns, non c’è niente da fare. Anno scorso da 1-15, quest’anno si sono superati con 0-16. Non c’è voglia di vincere, non c’è un’identità di gioco eppure il talento dovrebbero averlo con tutti i giovani che hanno preso al draft. Jackson è stato confermato, ma non è riuscito minimamente a incidere e la scusa del QB scarso regge poco (c’è chi vince con Keenum e Foles, QB non certamente eccelsi). Kizer è solo l’ennesimo QB bruciato, prossimo anno ben 2 scelte in top 5. I nomi che girano sono Darnold come QB e Barkley come RB, riusciranno a tornare alla vittoria nel 2018?

• STEELERS: Sembra l’ultimo anno per Pittsburgh per provare l’assalto al Super Bowl. Big Ben sembra sempre più vicino al ritiro, dovesse vincere non sarebbe da escludere un ritiro immediato. Bisogna dare il contrattone a Bell, che si è dimostrato uno dei migliori RB della lega. In difesa bisognerà capire la situazione di Shazier. Troppe incognite, certo è arrivato Juju Smith e con Antonio Brown per quanto riguarda il reparto WR gli Steelers sono a posto.

• TEXANS: Una stagione beffarda per i Texans che avevano puntato tutto su Watson, purtroppo infortunatosi nel corso della stagione proprio dopo una delle migliori gare in carriera. L’attacco con un giocatore come Hopkins sembra esserci. Servirà aggiungere talento in difesa, visto che JJ sembra ormai lontano dai tempi migliori e Clowney da solo non basta. Peccato che i Texans non avranno nè primo giro nè secondo…

• COLTS: Finita la discussa era di Chuck Pagano, i Colts punteranno a riabbracciare Andrew Luck per il 2018. Fondamentale sarà la scelta del draft (Terza assoluta), servono un RB (Gore è ormai sul viale del tramonto) e molti rinforzi in difesa (Malik Hooker è solo un punto di partenza). Da non trascurare nemmeno la OL, visto che Luck avrà bisogno di massima protezione.

• JAGUARS: Ritornati finalmente ai playoff, ci sono un pò di incognite nei Jaguars. Innanzitutto devono essere rinnovati il LB Telvin Smith e il WR Allen Robinson. Sarà l’ultimo anno di Blake Bortles e i Jaguars devono iniziare a pensare se continuare con lui o cambiare QB. Intanto i Jaguars si godono un fenomenale attacco su corsa e una difesa tra le top 3 della lega.

• TITANS: Si riparte da una qualificazione playoff presa all’ultimo, dopo un pò di sconfitte preoccupanti. Mariota complice un infortunio non è riuscito a brillare, mentre la difesa ha bisogno di un CB affidabile. Probabilmente il prossimo anno, Derrick Henry sarà il RB titolare (quest’anno ha splittato con Murray). Al draft servirà prendere anche un WR per aiutare di più il passing game.

• BRONCOS: Il primo dubbio da sciogliere per Denver sarà il QB. Il progetto Siemian è ormai fallito, Osweiler è free agent e infine Lynch è ancora molto indietro. Elway dovrà decidere se affidarsi a Lynch rischiando tutto, oppure prendere già un altro QB al draft. Servirà anche rinforzare la linea offensiva e aggiungere altro talento in difesa.

• CHIEFS: Ancora una qualificazione ai playoff con un Alex Smith in grande spolvero e un sorprendente Kareem Hunt. L’attacco ha fondamenta solide e il QB del futuro è già in squadra. La difesa ha alcuni giocatori fenomenali come Peters e Houston, ma servirà aggiungere ancora altro talento (magari un altro CB). Non dimentichiamo che nel 2018 riavranno a disposizione un certo Eric Berry…

• RAIDERS: Rivoluzione totale per i disastrosi Raiders. Addio a Del Rio, forse anche prematuro. Si ripartirà da Carr, mentre Lynch non è stato ciò che ci si aspettava. Pessima la stagione di Amari Cooper, mentre la difesa è stato un vero colabrodo. Servono rinforzi nella secondaria, ma in generale in tutta la difesa. Interessante capire se i Raiders rinnoveranno Janikowski o si terranno il nostro Giorgio Tavecchio.

• CHARGERS: Gran peccato per Los Angeles, che se non avesse sprecato troppo all’inizio oggi sarebbe stata ai playoff. La base per fare una grande stagione c’è: l’attacco gira bene grazie al ritorno in pompamagna di Keenan Allen, mentre la difesa con la coppia pazzesca Ingram-Bosa e la forte secondaria ha giocato molto bene. Ci vuole qualche altro WR in grado di far male e un LB con più leadership.

• COWBOYS: La squalifica ad Elliott è stata una pesante mazzata su questi Cowboys. L’Off Season ruoterà intorno al rinnovo al terrificante pass rusher DeMarcus Lawrence, che andrà verso i 17-18 milioni a stagione. Lo spazio di manovra è molto limitato e sarà fondamentale il draft per puntare a un Safety e qualche altro WR oltre a Dez.

• GIANTS: Dalle stelle alle stalle. Un autentico disastro quello dei Giants che sono passati dal 12-4 ad avere la seconda assoluta al draft. Infortuni a tutto il reparto WR, poi Manning panchinato e infine McAdoo saltato. Il nuovo coach dovrà pensare se ripartire da un altro QB (Rosen o Darnold), oppure continuare ancora Manning e prendere un RB o un OL. L’attacco è quello che ha più bisogno di rinforzi, mentre la difesa deve tornare ad essere quella del 2016.

• EAGLES: Troppa sfortuna per Philadelphia, che ha perso il leader proprio nel momento più importante della stagione. Dopo i playoff si continuerà a costruire attorno a Wentz con qualche rinforzo in difesa (LB e secondaria) e soprattutto in OL visto che Jason Peters non è più un giovanotto e tornerà da un infortunio. Phila ha comunque ottime basi per puntare al colpo grosso.

• REDSKINS: Cousins otterrà il tanto agognato contrattone? I numeri sono stati buoni e Kirk ora vuole monetizzare al massimo dopo due anni di Tag. Tanti anche i Free Agent, da Pryor a Foster passando per Long, Moses e Breeland. I Redskins sono una franchigia molto strana con poco potenziale, ricordano un pò i Bengals della AFC. Riusciranno a tornare ai playoff?

• BEARS: Finita la poco fortunata era di Fox, i Bears hanno buoni talenti su cui costruire. L’attacco ha bisogno della crescita di Mitchell Trubisky (dargli target affidabili può essere un inizio), mentre il resto sarà sulle spalle di Jordan Howard. La difesa è equilibrata, ma mancano i playmaker in grado di svoltare una partita. La division è veramente tosta, ma Chicago non deve perdersi d’animo.

• LIONS: Jim Caldwell nonostante il 9-7 è stato licenziato, poichè ha mancato i playoff. Stafford non sarà un elitè QB, ma è sicuramente in grado di trascinare la squadra. Serve migliorare finalmente il running game che non vede un RB sopra le 100 (in una partita) da diversi anni. Per la difesa, la prima decisione da affrontare sarà il rinnovo di Ziggy Ansah. Andranno sul mercato anche il LB Whitehead e il S Glover Quin. Il primo potrebbe essere non rinnovato per favorire la crescita del giovane Jarrad Davis.

• PACKERS: Senza Aaron Rodgers sono venuti fuori tutti i punti deboli di Green Bay: difesa poco affidabile e attacco asfittico senza “Mr.Hail Mary”. Con Rodgers sono chiaramente una contender, ma la difesa deve essere rinforzata (CB soprattutto) per regalare questo maledetto secondo titolo a Rodgers.

• VIKINGS: Prima ci sarà una post Season da giocare, poi decisioni importanti in Free Agency. Una poltrona per tre, si ben 3 QB per un solo posto. Bradford continua a rompersi e probabilmente non sarà rinnovato, Bridgewater è tornato ma non si sa ancora come e infine Keenum dopo anni mediocri ha disputato una fantastica stagione, su chi dei tre bisognerà puntare? La super difesa non ha free agent importanti (solo Newman che va verso il ritiro), mentre l’attacco riavrà anche Dalvin Cook, vittima di uno sfortunato infortunio.

• FALCONS: Stagione discontinua, ma alla fine i Falcons saranno ancora ai playoff. L’attacco ha bisogno di altre alternative oltre a Julio Jones, ma è la difesa che deve essere migliorata per poter puntare con decisione al titolo. Ci vuole un altro CB di fronte a Trufant e anche un FS affidabile.

• PANTHERS: Sono tornati ai playoff, ma quanti dubbi per questi Panthers che si sono affidati al solito Newton. L’MVP 2015 è stato il trascinatore, ma ha bisogno di altri target oltre al solito Olsen e al sorprendente Funchess. La difesa ha alternato buone partite ad altre meno buone. Short e Kuechly sono stati super contro le corse, ma l’assenza di CB forti spesso si fa sentire.

• SAINTS: Playoff e poi toccherà rinnovare Brees (ritiri permettendo). L’attacco ha bisogno solo di qualche altro target, visto che la coppia Ingram-Kamara fa sfracelli. La difesa è finalmente diventata convincente grazie a un Jordan mostruoso e un Lattimore già nell’élitè dei CB. Vaccaro probabilmente non sarà rinnovato per favorire la crescita di Vonn Bell, mentre nel reparto LB serve qualcuno che dia leadership al reparto.

• BUCCANEERS: Sono passati dall’essere una potenziale outsider all’essere tornati al punto di partenza. La difesa è stato un colabrodo nonostante nomi di alto livello (Mccoy, Alexander, David, Ward), mentre Winston non ha fatto il salto di qualità che ci aspettava (continua con errori banali). Il talento è tanto in questa squadra, ma ancora nessuno è riuscito a plasmarlo per far divenire Tampa una vera contender.

• CARDINALS: Si va verso un rebuilding totale in Arizona. Palmer e il Coach Bruce Arians si sono ritirati. L’attacco deve ripartire da David Johnson e da un nuovo QB che sarà scelto al draft (presumibilmente). Attesa anche la decisione di Fitzgerald, che potrebbe anche ritirarsi o addirittura provare a vincere il titolo da qualche altra parte. La difesa è simile ai Bucs, tanti fenomeni ma poca concretezza.

• RAMS: E’ il momento di puntare al titolo con decisione. Goff deve sviluppare un’intesa con Watkins (free agent), mentre Kupp deve continuare a crescere. Al resto ci penserà il fenomeno Todd Gurley. La difesa deve rinnovare il CB Trumaine Johnson e continuare a girare attorno al fenomeno Aaron Donald. L’obiettivo per il 2018 dev’essere il titolo e il potenziale per vincerlo c’è.

• 49ERS: Rinnovare Jimmy Garoppolo sarà la prima missione dei 49ers. Potrebbero anche applicare il tag sul giovane QB. Atteso anche il rinnovo per Carlos Hyde e per Eric Reid. La squadra è giovane e può contare su una difesa molto interessante (Buckner, Thomas e Foster). Servirà prendere un CB sicuro e target più sicuri a Garoppolo. Se i 49ers sono quelli visti nell’ultima parte di campionato, il futuro si preannuncia roseo.

• SEAHAWKS: Problemi di linea a nord ovest. Passano gli anni ma il grande problema di Seattle rimane la linea d’attacco, Wilson è andato spesso in difficoltà con la pressione portata dagli avversari. Vedremo se i Seahawks decideranno di rinnovare Jimmy Graham, mentre nei RB sono pronti a fare le valigie Eddie Lacy e Thomas Rawls. Non sorride nemmeno la difesa: Sherman rientrerà da un pesante infortunio, Shead e Richardson sono Free Agent, Cliff Avril e Kam Chancellor stanno pensando addirittura al ritiro. Pete Carroll dovrà affrontare grosse decisioni in questa off season, il ciclo Seattle è definitivamente finito?

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Di più NEWS NFL