Seguici su

Kansas City Chiefs

Musicista e asso del baseball: curiosità sulla vita di Mahomes

Patrick Mahomes, alla scoperta dei segreti del baby fenomeno che sta conquistando la NFL

  • 6’ di lettura

Finisci di vedere la partita tra Kansas e Denver e rimani colpito. Rivedi poi gli highlights della stessa gara e rimani senza parole. Cosa sta facendo esattamente quel ragazzo con la maglia numero 15? Sta dominando la NFL.

Patrick Mahomes è senza dubbio l’uomo del momento. Il giocatore sulla bocca di mezza America. Tra social e televisione è difficile non incappare in qualche immagine del quarterback dei Chiefs. L’impatto che sta avendo infatti alla prima stagione da titolare è a dir poco impressionante.

Mahomes sta elevando il suo gioco a livelli altissimi, e il record per il maggior numero di TD segnati (14) nelle prime quattro partite è solamente uno dei tanti che sta infrangendo in queste settimane. I Chiefs, dopo 4 giornate di campionato, sono ancora imbattuti.

E la potenza offensiva che hanno mostrato è senza dubbio merito dell’ex quarterback della Texas Tech. Gioca come se avesse anni e anni di NFL alle spalle, il suo braccio sembra un cannone e i compagni di squadra lo adorano. È il Mahomes Show.

Tra record e passaggi sublimi c’è un ragazzo che fin da piccolo ha sempre mostrato un’incredibile dedizione per lo sport. Dal possibile futuro nella MLB al draft NFL. Storie e curiosità sul volto futuro del football.

Baseball nel destino

Pensare che in questo momento non avremmo potuto assistere alle sue gesta su un campo da football ci sembrerebbe quasi utopico. Come potrebbe un talento com lui non essere una stella della NFL? Eppure Patrick Mahomes è stato vicinissimo a diventare un giocatore professionista di baseball.

L’attuale quarterback dei Chiefs è cresciuto infatti in una famiglia di giocatori che hanno militato per anni nella Major League Baseball. Il padre, Pat Mahomes Sr, ad esempio è stato un pitcher per 11 stagioni, vestendo le maglie degli Yankees, dei Red Sox e dei Cubs. Il padrino invece, LaTroy Hawkins, ha disputato ben 21 stagioni nella lega più importate d’America.

Lo stesso Mahomes Sr ha più volte ribadito di aver sempre pensato che il figlio avrebbe intrapreso la sua stessa strada: “Patrick sarebbe dovuto diventare un giocatore di baseball come me. Una delle prime scelte al Draft. È risaputo che il baseball è lo sport più sicuro e redditizio che ci sia. Era praticamente tutto scritto”.

Durante il periodo del liceo, “Showtime”, chiamato così proprio dal padre, lanciò un no-hitter e 16 strikeout diventando presto uno dei 100 prospetti più interessanti del panorama americano. Guardava giocare il padre tutto il giorno e lo emulava. Poi il fatidico incontro con la palla ovale e il colpo di fulmine. Ha indossato il caso e posato la mazza definitivamente.

(AP)

Una memoria eccezionale

Da quando ha vestito per la prima volta i panni del quarterback ha scoperto cos’è “l’amore”. Il ruolo perfetto. Lo sport che più lo valorizzava. Mahomes è nato con un talento ed è stato bravo nel saperlo gestire. Carattere, sacrificio e volontà.

Ma ciò che rendere unico il giovane quarterback è la sua memoria eidetica. Possiede infatti, più comunemente, una memoria fotografica che gli facilita i compiti in campo. La memorizzazione degli schemi non è mai stata di fatto un problema.

L’head coach Andy Reid, che ha sempre elogiato il suo ex QB, Alex Smith per la sua abilità nel ricordare le informazioni, è rimasto sbalordito dalla velocità di elaborazione di una chiamata di Mahomes: “Smith possedeva molti gigabyte, Patrick invece ha anche molti gigahertz”. Il baby fenomeno ama il football, ma sembra amare di più la voglia di imparare.

Il musicista e il best friend Kareem Hunt

Mahomes non è semplicemente un grande giocatore, è anche un ottimo compagno di squadra. Nello spogliatoio dei Chiefs, il ventitreenne è uno degli elementi più amati.

Particolarmente apprezzato per il suo carattere umile (mantiene un profilo basso durante le interviste e legge poco gli articoli giornalistici che lo riguardano) è stato soprannominato “il musicista” per il suo stile di gioco. Per molti simile a quello di Aaron Rodgers.

È però con il RB Kareem Hunt che Mahomes ha legato maggiormente. I due sono ormai migliori amici, tant’è che lo stesso running back lo ha sottolineato più di una volta ai microfoni dei giornalisti. Sono il futuro della squadra e dell’organizzazione. A Kansas sono decisamente in buone mani.

Nella NFL è sbocciato un nuovo fenomeno. Il giovane quarterback numero 15 rappresenta concretamente il futuro della Lega. Ora starà solo a lui saper gestire la situazione. I suoi precedenti fanno sicuramente ben sperare. È il Mahomes show.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × due =

Di più Kansas City Chiefs