Seguici su

Arizona Cardinals

Kyler Murray e lo strano modo di chiamare lo snap

Il giovane quarterback potrebbe dover fronteggiare un insolito problema...

  • 4’ di lettura

Dopo il debutto convincente contro i Chargers, nella seconda partita di preseason sono iniziati ad emergere i primi problemi per Kyler Murray. Il giovane quarterback, che ha chiuso nella sconfitta con i Raiders con 3 completi su 8 per 12 yard, è stato protagonista di un’insolita situazione…

Le due flag per falsa partenza nel primo quarto hanno suscitato particolare attenzione: nella NFL è, infatti, raro che un QB subisca questo tipo di penalità (sono state solo 8 in tutta la passata stagione). Murray e l’HC Kliff Kingsbury rischiano di dover fare i conti con un’abitudine che risale ai tempi del college.

La prima scelta al Draft ha tratto in inganno la crew arbitrale battendo le mani durante la conta per chiamare lo snap. Invece del tipico conteggio verbale, Murray preferisce adottarne uno ritmico applaudendo: metodo sempre più comune a livello collegiale.

Gli arbitri sono andati in confusione, ritenendo l’applauso del quarterback troppo “brusco”, e quindi tentativo di indurre la difesa in offside. Le regole NFL, in questo caso, parlano però chiaro: “Ogni movimento veloce e brusco è considerato falsa partenza”. 

“Il compito dei difensori è quello di guardare il pallone, non ha senso per me questa cosa. Ma cercherò di risolvere questo problema”, ha commentato il numero 1 dei Cardinals al termine della gara. 

Difficile giudicare quanto fosse effettivamente forte il colpo di Murray, ma quel che è certo, dopo 2 partite, è che le crew arbitrali tendano ad interpretare la regola in maniera diversa. Per l’arbitro John Hussey, che ha fatto visita ad Arizona per il training camp, non ci sono stati problemi, così come per Shawn Hochuli, che ha arbitrato la prima partita contro i Chargers. L’arbitro Carl Chaffers ha invece punito l’abitudine dell’Heisman 2018. 

Ma con 17 crew arbitrali diverse, che a turno ogni settimana si ritroveranno (o si sono già trovate) ad arbitrare una partita di Murray per la prima volta, le possibilità che venga penalizzato nuovamente sono alte. Proprio per questo motivo sia gli arbitri che i diretti interessati saranno costretti a studiare una soluzione. 

Lo stesso Kliff Kingsbury si è detto pronto a collaborare: “Credo che sia la prima volta che accada una cosa del genere. Siamo in contatto con la lega, stiamo lavorando insieme per far si che non si venga a creare lo stesso problema nuovamente”. 

Il giovane QB sarà probabilmente costretto a cambiare il suo modo di contare anche per non dare punti di riferimento alla difesa. I Raiders, infatti, sono riusciti a portare una pressione costante e precisa con la pass rush. I difensori prendevano come punto di riferimento proprio gli applausi del quarterback avversario. Gli stessi Chargers erano riusciti a trovare il tempismo giusto dopo qualche snap. 

Con una OL che la scorsa stagione ha guidato la lega per sack concessi dopo 2,5 secondi dallo snap, Murray deve trovare al più presto una soluzione per evitare di incombere in problemi ben più gravi. Ma con ancora due giornate di preseason da giocare, il quarterback ha tutto il tempo necessario. 

Basterà forse applaudire di meno e parlare di più. Benvenuto nella NFL, Kyler. 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × tre =

Di più Arizona Cardinals